Cerca nei Numeri Cartacei del Corriere di San Nicola
numeri precedenti -
Numero Storico 32 - Dicembre 2005 - Home 6 luglio 2022 20:54:09

"Umilta' e unita' per scalzare il reuccio!"
Udc: importante incarico a Carlo D’Andrea
D’Andrea contro i soliti noti...
"L’Amministrazione... dei gabbiani"
La nuova mappa del potere










Dal convegno sull’Aids al Seminario di Roma, il carismatico “presidente dei giovani” e il suo valente gruppo superimpegnati nel sociale
L’ “europeo” Dottor Schettino

“Nel mondo ogni sette secondi un uomo si contagia del virus dell’HIV. Siamo, purtroppo, giunti alla impressionante cifra di 40milioni, di cui quarantamila i sieropositivi in Italia. E, sempre purtroppo, nei loro confronti c’è una grave discriminazione. L’Aids è un’epidemia che si espande a macchia d’olio, inesorabile e silenziosa. La più complessa con la quale l’umanità abbia mai avuto a che fare e che solo nel 2005 ha causato la morte di oltre 3 milioni di persone, di cui 500mila bambini” .
Lo ha affermato il Dr. Pietro Schettino, presidente del Centro Giovani, durante la sua pregiata relazione introduttiva al convegno sul tema tenutosi giovedì 1 dicembre presso la sede dell’associazione sita nel Real Sito Borbonico.
L’ occasione fornita dalla Giornata Mondiale per la lotta all’Aids non è, dunque, passata inosservata al brillante Schettino, adoperatosi per assicurare al dibattito la  presenza di alcuni medici napoletani e di due giovani, uno di 28 anni e l’altro di 36, che hanno fatto conoscere la loro tragedia e come sono costretti a vivere ai margini della società a causa della dilagante discriminazione.
Nel corso dell’incontro sono andati in onda alcuni filmati e molte slide che hanno permesso di sviscerare sino in fondo il problema. Grazie all’aiuto dei medici napoletani e dei soci del Centro Giovani, gli organizzatori hanno preparato degli opuscoli che sono stati distribuiti al pubblico presente.
“Sono molto orgoglioso -ha tenuto a sottolineare il Dr. Schettino- di annunciare che molti nostri giovani soci, fra cui diversi laureandi in medicina, hanno dichiarato la loro disponibilità a prestare opera a favore di quelle associazioni onlus che aiutano i malati di Aids. Una scelta di vita che rende onore ad autentici volontari”.
E sempre a proposito degli incessanti impegni che questi valenti giovani si assumono continuamente, va ricordata anche la loro “missione” a Roma, l’11 e 12 dicembre, in occasione del seminario conclusivo della Settimana Europea dei Giovani, la cui finalità è quella di accrescere la consapevolezza sull'Europa e sulle politiche in favore dei giovani, con particolare riferimento al Patto Europeo della Gioventù .
Un’ulteriore dimostrazione della volontà che anima un gruppo eccezionale e che rende onore alla nostra comunità. A San Nicola, si ha tanto bisogno di personalità così spiccate e partecipative. 


 
© Copyright Corriere di San Nicola. 2000, 2003 - Tutti i diritti sono riservati.